Stitichezza (costipazione): quando si deve, ma non si può

Cosa può aiutare, quando l'intestino si rifiuta temporaneamente di funzionare?

Quando al solo pensiero di andare in bagno si inizia a sudare, la pancia è gonfia, rilascia continuamente gas e l'umore peggiora con ogni tentativo improduttivo di evacuazione... I viaggi, un'alimentazione povera di fibre e la carenza di movimento sono le cause più frequenti dei disturbi digestivi transitori, e implicano per l'intestino – "animale abitudinario" – letteralmente un duro lavoro. La stitichezza acuta ne è una spiacevole conseguenza, che può insorgere indifferentemente a qualsiasi età. I problemi di digestione acuti non devono essere motivo di preoccupazione, visto che l'intestino può essere rimesso in carreggiata in pochi giorni e con metodi naturali, attraverso un cambiamento dello stile di vita.

Stitichezza: uno dei disturbi più frequenti dell'apparato gastrointestinale

Capita a tutti, a volte, di produrre feci dure o di avere difficoltà a evacuare a causa di problemi di digestione. Perfino i bambini possono soffrire di mal di pancia, gas intestinali e stitichezza, e anche negli adulti sono molti i fattori che possono impigrire l'apparato gastrointestinale. In generale, la stitichezza non risparmia nessuna fascia di età. Tuttavia, si ritiene che le persone sopra i 60 anni di età si trovino più spesso alle prese con feci dure, evacuazione irregolare e stitichezza occasionale o cronica.

Poiché l'apparato digerente non è solo responsabile della preparazione e dello sfruttamento degli alimenti ma – per via delle sue innumerevoli connessioni nervose – viene anche considerato il nostro "secondo cervello" o "centro dell'umore", è molto sensibile alle influenze interne ed esterne. E la stitichezza è sicuramente uno dei sintomi che possono avere varie cause fisiche e psicologiche. Ma come si definisce la stitichezza dal punto di vista medico? In generale vale la seguente regola: chi va di corpo meno di tre volte alla settimana, si sforza nel farlo e produce feci dure e grumose, soffre di stitichezza. Se questa condizione dura solo pochi giorni ed è riconducibile a cambiamenti nella routine quotidiana, viene definita stitichezza acuta. Ma la stitichezza può anche diventare una presenza costante.

Quali fattori possono provocare una stitichezza acuta, temporanea?

Quali fattori possono provocare una stitichezza acuta, temporanea?

  • Viaggi (si rimane seduti a lungo, poco movimento)
  • Difficoltà di adattamento dell'intestino a causa di una routine quotidiana variabile (p. es. lavoro a turni, cibi inusuali, cambiamento di fuso orario quando si viaggia)
  • Alimentazione povera di fibre e poco variata
  • Carenza di attività fisica (nessuna attività sportiva abituale)
  • Pochi liquidi assunti durante la giornata
  • Stress e irrequietezza interiore
  • Malattie associate a febbre
  • Trattenere lo stimolo ad andare in bagno

Gestire naturalmente malessere e stitichezza

Rimedi casalinghi per i sintomi della stitichezza temporanea

Sia negli adulti che nei bambini, il requisito di base per una buona digestione è assumere quotidianamente una quantità sufficiente di liquidi. Di solito bastano da un litro e mezzo a due litri al giorno, che possono essere assunti sotto forma di acqua, tè o tisane non zuccherati o succhi di frutta e verdura.

Anche nei bambini le bevande migliori sono acqua, tisane non zuccherate e succhi diluiti con acqua e con poco zucchero. È consigliabile anche offrire ai bambini, anziché sempre latte e cacao, anche latticini lievemente fermentati (kefir o yogurt bianco), ma sempre in quantità moderate e solo se i piccoli sono in grado di digerirli. Se i bambini hanno mal di pancia e non evacuano in maniera ottimale, i genitori dovrebbero verificare con ancora maggiore attenzione che i loro figli assumano liquidi a sufficienza.

Tra gli adulti, molti contano sul caffè. Questo viene consumato non solo per il piacere di farlo, ma anche in caso di defecazione ritardata, visto che la caffeina presente nel caffè può stimolare la digestione.

Cos'altro può aiutare in caso di stitichezza occasionale?

L'elenco dei rimedi casalinghi per l'intestino pigro, i crampi allo stomaco, la flatulenza, e per una frequenza di defecazione molto bassa, è abbastanza lungo. Bere molto, consumare alimenti fermentati o leggermente lattofermentati, masticare bene il cibo e soprattutto prendersi il tempo necessario per fare i propri bisogni: chi soffre di questo problema ha a disposizione molte opzioni – principalmente naturali – per tenere sotto controllo la stitichezza senza bisogno della chimica. Di seguito riportiamo le tre raccomandazioni più utili contro la stitichezza occasionale.

Al mattino, bere a stomaco vuoto un bicchiere di acqua tiepida mescolata con il succo di un limone appena tagliato e massaggiare per alcuni minuti in senso orario la pancia indurita. Questo mette in moto delicatamente l'intestino e può provocare il riflesso della defecazione già dopo pochi minuti; tuttavia, è possibile anche che l'effetto si manifesti con un po' di ritardo.

Il bello delle fibre è che, combinandosi all'interno dell'apparato gastrointestinale con i liquidi ingeriti, si gonfiano e aumentano il volume del chimo. Questo a sua volta determina la produzione di feci più morbide e più facili da evacuare, e allevia la stitichezza. Gli alimenti ricchi di fibre sono innanzitutto la verdura, la frutta e i cereali. Tuttavia, i semi di lino, i semi di psillio e anche la crusca andrebbero consumati sempre con una quantità sufficiente di liquidi, altrimenti potrebbero peggiorare il problema e, di conseguenza, la stitichezza.

Una vita pigra può contribuire a rendere l'intestino altrettanto pigro. Infatti: l'attività fisica è la chiave per il bagno. Non deve trattarsi necessariamente di una maratona; ma un'attività fisica regolare, e commisurata al proprio stato di forma, attiva non solo la muscolatura e il benessere generale, ma anche l'intestino. Il metabolismo viene stimolato, la peristalsi intestinale aumenta e attiva il processo digestivo, sempre che l'assunzione di liquidi sia sufficiente e l'alimentazione sana.

Se i disturbi persistono a lungo o sono accompagnati da altri sintomi, come dolore intenso o febbre, bisogna sempre consultare il medico di famiglia o un gastroenterologo per la diagnosi.

La nostra linea di prodotti

Un assortimento di medicamenti innovativi

Questi sono medicamenti omologati. Vogliate consultare uno specialista e leggere il foglietto illustrativo.

VALVERDE® Stitichezza

Compresse rivestite con film

VALVERDE® Stitichezza è utilizzato in caso di stitichezza occasionale che può insorgere, per esempio, quando si viaggia. Le compresse rivestite con film possono essere utilizzate negli adulti e nei bambini a partire dai 12 anni; nei bambini tra i 6 e i 12 anni, solo su prescrizione medica.

VALVERDE® Stitichezza

Sciroppo

VALVERDE® Stitichezza è utilizzato anche sotto forma di sciroppo per la stitichezza occasionale (p. es. in viaggio).
Il medicamento è omologato solo per gli adulti.

Trovare e acquistare i prodotti VALVERDE®

Trovi la farmacia o drogheria più vicina a lei.

L'eccellente assortimento di tisane Sidroga®

Tisane naturali per tutta la famiglia.